TASSA DI SOGGIORNO E OTA

In base alla nuova normativa europea, l’informazione relativa alla tassa di soggiorno (ormai prevista in quasi tutte le città) deve essere ben specificata e l’importo deve essere incluso nel costo finale della camera, prima ancora che l’utente finalizzi la prenotazione.

Sinora, però, solamente Booking.com si è adeguato alle nuove disposizioni, raggruppando alla tariffa della camera, oltre al costo relativo all’IVA (10% in Italia per le strutture ricettive) anche l’importo relativo alla tassa di soggiorno.

Sebbene ciò sia apprezzabile dal punto di vista della conformità alle norme, sono già riscontrabili alcune criticità:

  • Dal punto di vista commerciale, l’utente non percepisce il vantaggio di avere la tassa di soggiorno inclusa nella tariffa, anzi spesso ha l’impressione che il prezzo sia maggiore rispetto a quello presente in altri portali (con conseguenze importanti sulla distribuzione del revenue). Se, infatti, proviamo a prenotare una camera per 2 persone di un 4 stelle a Roma, su Booking.com la tariffa appare di € 12,00 (la tassa di soggiorno per la categoria è di € 6,00 a persona) più alta rispetto agli altri portali che, invece, non la includono nel prezzo.
  • In base alle normative comunali, esistono diverse casistiche di esenzione dal pagamento della tassa di soggiorno, non previste da Booking.com che ne applica il costo indifferentemente.
  • Secondo un profilo psicologico, una volta effettuata la prenotazione, soprattutto in caso di tariffa prepagata/non rimborsabile, l’utente è convinto di aver già coperto tutti i costi relativi al suo soggiorno per poi vedersi richiesto il pagamento della tassa di soggiorno in loco (il quale non può essere effettuato prima dell’arrivo, in quanto si basa sulle notti effettivamente usufruite dall’ospite)

Di fronte a tali criticità, occorrerebbe un po’ più di buon senso mirando a conciliare il rapporto tra albergatori e clienti, piuttosto che creare ulteriori problematiche.

Per saperne di più continua a seguirci o contattaci!

sales@hotelp.it

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.